– BLOGGING 7

 

3D render of a Graph Depicting Risiing Property Prices

2017 – A TRENDY YEAR ..!

L’anno 2017 è trendy. Si è proprio così. Il mercato immobiliare è già in evoluzione e continuerà ad aumentare anche nel 2018.

“… quello che è trendy oggi diventa la realtà di domani e perciò da cogliere subito!”

Aumenti di valore si, ma graduali

Come è noto le previsioni di ogni mercato possono modificarsi. Nonostante ciò la sensazione è che nel 2017 il mercato immobiliare si rafforzerà positivamente, sia in prezzo che in flusso di compravendite.

Tecnologia moderna

La tecnologia è ormai entrata nel settore immobiliaristico ed è li per restare! Infatti la sua presenza è a 360° dovunque e sempre, al centro di tutto ciò con il quale noi interagiamo quotidianamente.

“Non è più considerata un “non necessaria”. E’ diventata una parte indispensabile nella ns vita quotidiana.”

Infatti i proprietari sono sempre più spinti verso interventi intelligenti, come le smart home, termostati intelligenti, hub USB, panelli solari, impianti di irrigazione, automatismi ecc. Tutto ciò per vivere e godere la propria casa al meglio.

Previsioni conclusive

L’Agenzia La Torre prevede che anche qui all’ Elba e non solo sul continente ci sarà sempre più il desiderio di chiedere interventi di ristrutturazione, riqualificazione e la necessità di ridefinire i confini con l’unico obiettivo di far diventare più vivibile, armonico il luogo dove i ns cittadini lavorano, vivono, si divertono e crescono i loro figli.

Un saluto da Alessandro Gentini.

 

– BLOGGING 6

 

Ass_informa_ok ok 18

 

A TUTTI I SOCI – SEDI

L’11 aprile l’Isola d’Elba riceverà il premio “The Most Luxury Destination 2017”. Il premio sarà consegnato in occasione di una cena gala che si terrà a Varsavia presso il Marriot Courtyard Hotel. All’evento parteciperanno circa 400 persone d’affari e celebrità della Polonia. Sarà presente la TV polacca e molti mass media della Polonia.
Sarà questa un’occasione unica per far conoscere l’Isola d’Elba al pubblico più facoltoso di questa nazione che, ricordiamo, sta attraversando uno sviluppo economico tra i più importanti e consistenti a livello europeo.
Il prestigioso premio è il riconoscimento all’intenso lavoro dell’Associazione di questi ultimi anni che ha creduto ed investito in questo Paese e che, oggi, inizia a dare i primi segnali di interesse verso la nostra Isola.

Alessandro Gentini
V.Presidente  AAE

Evento 2016:
https://www.youtube.com/watch?v=nfNNjFiaf60
https://www.youtube.com/watch?v=NDZ66CPfh0k&t=26s
https://www.youtube.com/watch?v=-B6XILrVtrI&feature=youtu.be

 

– BLOGGING 5

 

 

Auguri e felice anno a tutti voi da parte dello staff dell’Agenzia La Torre.

2017…E’ Ora di Cambiare Casa?

Per affrontare tale decisione è importante avere una notevole forza e idee chiare.

L’inizio dell’anno nuovo è il momento giusto per progettare e stabilire gli obiettivi da raggiungere. Qualcuno magari pensa che il momento non è ancora maturo… e che è meglio aspettare la primavera per le ricerche. Non è così… in realtà i mesi invernali sono talvolta quelli che offrono una scelta più ampia di proposte da considerare, confermando il detto “chi prima arriva meglio si accomoda”.

E’ facile distrarsi durante la ricerca della nuova casa, anche perché nel tempo stesso ci sono lavoro, famiglia, impegni quotidiani da seguire.

Ecco alcuni consigli per aiutarvi a raggiungere il vs obbiettivo di acquistare una nuova casa nell’anno 2017.

Individuare la zona che interessa

Il punto strategico. E’ importante circoscrivere la zona di interesse perché mentre la casa che interessa può migliorare, il punto dove è ubicato l’immobile rimarrà invariato per sempre.
Occorre avere idee chiare su:
▪ distanza accettabile dal luogo di lavoro
▪ scuola
▪ mezzi pubblici
▪ ospedale
▪ negozi ecc
Questi elementi dovrebbero trovarsi sulla vostra lista.

Quanto è il vs budget?

L’investimento. Prima della vostra ricerca dovete chiedervi quanto potete spendere oppure ottenere come prestito bancario sotto forma di mutuo. In questo modo siete in grado di conoscere con precisione cosa considerare e cosa no.

Scrivere una lista di cose indispensabili e una per le cose non essenziali

La domanda è se la cosa è indispensabile o superflua, cioè considerare se la cosa in questione è prioritaria e non negoziabile o meno. Sicuramente una camera da letto per ogni membro della familglia è importante mentre la piscina in giardino no. Ogni uno di noi è diverso e avrà di conseguenza esigenze diverse. Sapendolo in anticipo toglie confusione nella ricerca e di conseguenza perdite di tempo.

Individuare un’esperta, qualificata e affidabile agenzia immobiliare

“Agenzia La Torre”, con oltre 30 anni di esperienza professionale soddisfa abbondantemente questo requisito. Conosciamo molto bene non solo la realtà del mercato locale Elbano ma anche quello del Continente. Con noi la vs ricerca sarà facilitata e velocizzata.
Affidandovi ad esperti come noi, avrete la garanzia di affrontare i vari passi della vs ricerca nel modo migliore e con successo.

A questo punto non ci resta che rinnovare i nostri migliori auguri di felice anno nuovo e se siete alla ricerca di una nuova casa, fatevi un regalo, consultataci cliccando qui….. Sapremo come aiutarvi!

 

– BLOGGING 4

 

 

Il potenziale della realtà virtuale nel settore immobiliare è diventato una realtà. E’ proprio per questo che l’ Agenzia La Torre offre per la sua clientela il coinvolgente tour virtuale. Per visitare la ns showroom… clicca qui!

Cosa ne dite di fare una visita al vostro prossimo immobile senza muovervi dal vostro comodo divano? Per il consumatore di oggi, questa esperienza di realtà virtuale negli annunci immobiliari è diventata un nuovo standard.
Attraverso ambienti generati al computer, la realtà virtuale, sta cambiando radicalmente il modo in cui si vende/affitta e cerca qualsiasi tipologia di immobile.
Non stiamo parlando dei “vecchi” cosi detti virtual tour, ormai tecnologicamente obsoleti. Questi nuovi tour virtuali a 360°x180 consentono agli spettatori di essere trasportati in un ambiente diverso, permettendo ai potenziali clienti di andare praticamente a spasso all’interno dell’immobile a cui sono interessati. Allo stesso tempo il proprietario non è più costretto a sistemate ogni volta il proprio immobile e aprirlo ad ogni visita di un potenziale cliente. Le visite si limiteranno solo a coloro che sono veramente interessati.
L’Agenzia La Torre da sempre pioniera nella tecnologia applicata al mondo del real estate, vi porta attraverso l’uso della nuova tecnologia tour virtuale interrativo.

Per una migliore esperienza visiva, vi raccomandiamo di visualizzare i ns tour virtuali non solo sul desktop/laptop ma anche sui cellulari di ultima generazione!

Il punto è questo – la realtà virtuale si sta espandendo ad un ritmo di crescita incredibile. Oggi, grazie al ns servizio fotografico, che per altro è offerto ai ns clienti a titolo gratuito, sempre più annunci possono essere visualizzati sul ns sito con tecnologia virtuale.
Forse una delle ragioni più convincenti per integrare l’esperienza virtuale nel mondo immobiliare è perché è un mezzo per creare memoria. Coloro che hanno sperimentato un tour virtuale effettivamente conservano il ricordo di essere fisicamente stati in quei luoghi che hanno visto solo virtualmente. Questo rende la realtà virtuale una solida realtà per il Real Estate.
L’impressione che riceverà il visitatore di fronte ad un tour virtuale rispetto a semplici fotografie statiche è ben diverso ed evidente.
Bene, direte voi. E’ ora che anche noi ci mettiamo al passo con il resto del mondo! In Italia, ed in specifico, sull’ Isola d’Elba, noi siamo e rimaniamo fedeli al proprio claim “We never stop moving” non sta a guardare.

Continuate a seguirci sul blogging da Alessandro Gentini, a breve vi porteremo un’ altro virtuale made in Elba!

 

– BLOGGING 3

 

In risposta al Corriere Elbano …!

Alla Signora Marellina Dox (nome di fantasia)

Egr. Direttore
Mi scuso per non aver potuto rispondere prima al suo articolo “la struttura non merita le tre stelle Di Redazione – ago 30, 2016”, che riguarda l’Hotel Elba. Ora è del tutto evidente che la Signora che ha scritto il “servizietto” non aveva alcun interesse a venire per mezza giornata all’Elba a soggiornare nel mio piccolo Hotel. Noi sappiamo bene quali siano i veri motivi. Vero Direttore? Ma a questi ci arriviamo ora, confutandoli punto per punto.
L’Hotel Elba è dislocato in parte sulla strada, quindi, in piena stagione non è un’oasi tranquilla. E in questo la Signora ha affermato il vero.
Alla Signora è stato indicato un servizio spiaggia convenzionato, a cinque minuti dall’Hotel.
La piscina è senza bagnino perché non ha le caratteristiche che lo impongano, è ampia per quanto sia possibile nel nostro bellissimo giardino. I lettini sono 16/20, quindi più che sufficienti rispetto al numero delle camere. Il giardino è molto ammirato per la varietà di palmacee presenti, alcune delle quali raggiungono i 15 mt. di altezza, ma soprattutto per la presenza di Ibiscus, importati dalle Barbados, capaci di fiorire con corolle di 20/22 cm. di diametro, che si rinnovano ogni giorno e in continuazione fotografati per la loro bellezza.
In relazione alla camera posso affermare che il bagno non è molto spazioso ma nuovo e con tutti i servizi.
La federa non era stirata a dovere? Ce ne scusiamo, può accadere.
La camera calda? Faccio presente alla Signora che tutte le nostre camere hanno il condizionatore e le pale al soffitto, per coloro che non gradiscono l’aria condizionata. Non era funzionante? Non è vero, piuttosto la Signora avrà avuto qualche problema con la tecnologia e i telecomandi. Probabilmente il ragazzino che era con Lei l’avrebbe fatto funzionare egregiamente. Menomale che la camera era molto pulita, così ha constatato!
Quanto all’edificio confinante con l’Hotel, si è vero, non siamo staccati dalle altre case e, purtroppo non siamo riusciti a spostare l’abitazione del vicino; e proprio come tutti i balconi degli Hotel anche i nostri sono rivolti uno verso l’altro.
La sala tv è piccola? Per questo abbiamo costruito un capiente gazebo proprio sotto la camera della Signora, con divani e poltrone per seguire gli avvenimenti in tv.
Il frigo era vuoto? Non per dimenticanza ma a ragion veduta, perché non serviamo il pranzo e quindi gli ospiti lo possono utilizzare per cibo e bevande che possono acquistare a un prezzo migliore che in Hotel.
L’asciugacapelli da bagno è minuscolo? Bene anche questo non è casuale. Le dirò una cosa mia personale.
Ho perduto un carissimo amico proprio per un phon caduto nell’acqua. Dal quel momento ho sostituito tutti i phon tradizionali con quelli che non sono piaciuti alla Signora ma che costano molto di più e non hanno alcun cavo elettrico che possa mettere in pericolo la vita.
Il numero dei nostri ospiti che ritornano è superiore al 50%. Se ne faccia una ragione.
Potrei andare ancora avanti ma non ha importanza, tanto la Signora era venuta su ordine dell’organizzazione per svolgere il” servizietto,” così come è stato commissionato e svolto per altre strutture ricettive, che hanno commesso il peccato originale di battersi per una giusta concorrenza sulle banchine del porto al fine di non essere strozzati.
Ancora due osservazioni, se mi permette. Quando la Signora ha prenotato, le abbiamo detto che non volevamo alcuna caparra e che avrebbe potuto effettuare il pagamento in contanti o con assegno bancario, accordandole la massima fiducia, e due email possono testimoniare quanto affermo. Quindi riguardo alla sorpresa della Signora al momento di pagare il conto, di sicuro è bugiarda.
La foto pubblicata nel suo servizio, con un tavolo, suppongo, per la colazione è un falso. Ha fatto confusione con le foto di qualche altro “servizietto.”
Caro Direttore, come non ricordarLe che l’Elba non è terra di Scampia o di Barbagia? Qui questi messaggi dal profumo siciliano non funzionano. D’altra parte sarebbe carino non sputare nel piatto dove si mangia. In fondo l’Elba è il piatto di noi tutti, compreso il Capo ( a Buon intenditore poche parole.)
Con Amicizia
Alessandro Gentini

P.S. Quanto è costato il “servizietto”, perché ne avrei uno anch’io da commissionarne… sui trasporti e il fiume di denaro dei contribuenti

 

crr-header-e04

 

Hotel Elba: la struttura non merita le tre stelle
Di Redazione – ago 30, 2016

L’arrivo è complicato. C’è solo un passo carrabile dove fermare la macchina per entrare a fare il checkin. La reception è un piccolo bancone che stride con il resto dell’arredamento. Non c’è nessuno al ricevimento se non le donne che puliscono la sala da pranzo attigua. Nonostante sia arrivata alle 11.45 però la mia stanza è già pronta. Il problema è che si trova in un condominio dall’altra parte della strada. Quindi giro la macchina, scarico i bagagli e lascio la macchina davanti un altro passo carrabile. La mia stanza è dentro un condominio molto caotico. Devo salire una scala esterna che porta ad un corridoio con 6/8 stanze. Nemmeno il tempo di rendermi conto com’è che devo correre a spostare la macchina e portarla al parcheggio privato. Per trovarlo devo tornare indietro di 150 metri, girare a sinistra e infilarmi per 60 metri in una stradina a destra. L’hotel Elba non è sul mare e dista 5 minuti a piedi dalle spiagge di Marina di Campo. Nessuno mi fornisce indicazioni su quale sia quella convenzionata con l’hotel, né quelle che meritano di essere visitate. Dopo cena, sbirciando tra i depliant vicino alla tv nella hall, trovo un biglietto da visita della spiaggia convenzionata dove però non è indicata la percentuale di sconto applicata.
Non avendo visto né nel corpo centrale, né nel mio condominio la piscina, ma ricordando perfettamente che nelle foto su internet c’era, torno alla reception per chiedere (dopo aver sentito la mia domanda persone che erano in hotel da diversi giorni si sono stupite perché non sapevano che l’hotel ne fosse dotato). La piscina si trova a fianco del mio cortile, in un altro condominio. Il giardino è confusionario e pieno di gente che entra ed esce, una donna delle pulizie che fa le stanze e un signore che continua a fare su e giù in motorino. La piscina piccolissima, senza bagnino e con 10 lettini uno attaccato all’altro. Non c’è bar e dalle 16 è completamente all’ombra. Per non parlare del frastuono della strada, l’odore della gente che cucina negli appartamenti e del forte odore di pesce che arriva dal Consorzio Ittico proprio dietro la siepe.
E’ l’ora di pranzo, ma l’hotel non dà né la possibilità di mangiare a pasgamento, né di fare uno snack al bar. Così mi devo arrangiare. Torno in camera. Ci sono due letti separati, le lenzuola sono piene di pieghe per una stiratura fatta male. L’arredamento, cosi come il copriletto e le tende sono sui toni dell’azzurro. C’è un piccolo balconcino dove stendere gli asciugamani, ma il palazzo di fronte è attaccato. Per non essere visti bisogna chiudere le tende azzurre e quindi rinunciare a tutta la luce. C’è l’aria condizionata (che non funziona benissimo) e il ventilatore al soffitto. Il bagno è molto piccolo. Il sapone è attaccato al muro in un dispenser. Il phon è molto vecchio e attaccato troppo lontano dal lavandino. Asciugarsi i capelli davanti allo specchio è difficile. Gli asciugamani sono molto ruvidi. La doccia è chiusa da una tenda, ma fuori il pavimento non si bagna. C’è una piccola finestrella. Sembra tutto molto pulito e infatti passando la mano sotto il letto non mi resta polvere attaccata. Dietro la porta del bagno c’è una vecchia lampada di emergenza. I prezzi della camera sono esposti, ma il frigorifero (rumorosissimo soprattutto in piena notte) è vuoto.
La cena viene servita alle 20. Andando verso il corpo centrale mi accorgo che all’entrata c’è una ciotola dell’acqua per i cani a passeggio (Dog Bar). Un pensiero molto carino. Così come in sala da pranzo viene offerto un bicchiere di prosecco agli ospiti. La scelta è tra tre primi e tre secondi. La cameriera è abbastanza veloce e dopo aver servito tutti passa per offrire un bis o un assaggio del piatto non scelto. I piatti sono semplici, vari e abbondanti. Come dessert è possibile scegliere tra dolci, gelati o frutta. Viene indicato nel menù che la pasta è De Cecco e che è possibile segnalare le eventuali allergie alimentari. La zona tv è molto ‘triste’. Ci sono dei libri, ma basta avvicinarsi per accorgersi che sono vecchie guide o libri di cucina. A fianco al televisore una marea di ombrelloni (dimenticati o appoggiati dai clienti?), una scacchiera e un pc portatile. A quel punto mi accorgo che c’è la linea Wifi e chiedo di avere la password. La linea prende anche dall’altra parte della strada in camera.
La notte, tra il caldo soffocante della stanza, i rumori della strada e del frigorifero non passa mai. La mattina la colazione non è all’altezza della cena. Il buffet è misero. Le bevande calde erogate da un distributore automatico. Una caraffa con latte freddo, acqua e un succo di frutta (che quando finisce viene sostituito con un altro gusto). Ampia solo la scelta dei tè.
Al momento di pagare (120 euro per una notte a giugno) la sorpresa: non si accettano pagamenti con carte o bancomat. Provo a dire che ho solo la carta, ma vengo spedita al bancomat (5 minuti a piedi) perché «non abbiamo la linea. Prima o poi dovremmo metterla».
Tre stelle non meritate né per la struttura, né per i servizi offerti. La realtà è che è una pensione a tutti gli effetti. Senza l’ospitalità tipica che le caratterizzano. Promossa solo la cameriera della sala da pranzo sempre sorridente.

 

– BLOGGING 2

 

skyscanner

 

Le 15 Spiagge più belle d’Italia / Classifica 2016
lunedì 1 agosto 2016

Noi abbiamo selezionato le 15 spiagge italiane più belle per il 2016, quelle sulle quali crogiolarsi al sole quest’anno: fra cui …La Spiaggia di Cavoli, Toscana

Facciamo un piccolo balzo per saltare sull’Isola d’Elba, nella splendida spiaggia di Cavoli, che deve il suo nome ai blocchi di granito già squadrati, i “cavili” appunto, che venivano estratti dalle cave di questa zona da tempi immemori. Godetevi qui le ore più belle della giornata, tra un tuffo nelle acque limpide e una partita a beach volley con gli amici, e poi concedetevi una cenetta di pesce fresco nei tanti ristorantini della zona. Questo è il luogo ideale in cui stupirsi di fronte alla natura, che qui vi abbaglierà in tutto il suo splendore, e insieme divertirsi in grande stile. Si parte!

 

 

 

 

 

 

 

 

– BLOGGING 1

 

iltirreno

 

 

 

 

 

L’isola d’Elba è la meta più cercata su Google

Vacanze: la perla dell’arcipelago in testa ai “summer trends”
27 luglio 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

PORTOFERRAIO.

Cosa hanno in comune l’isola d’Elba e i sandali del momento? Sono due tra gli argomenti più cliccati su Google. E per una realtà come quella elbana che vive sul turismo il riconoscimento assume un valore notevole. Se poi si aggiunge che, in assoluto, l’isola è la destinazione più cliccata nella speciale classifica del 2016 nella categoria vacanze, ecco che quello ottenuto sul web è un autentico trionfo. Ora si tratta di trasformare i contatti su Internet in presenze turistiche reali, ma questa è un’altra storia.

Elba “top trends”.
Il mare e le spiagge italiane, al top l’isola d’Elba, ma anche la ricerca del sandalo del momento, uova di quaglia, capelli ricci e rossetto peel-off sono infatti alcuni degli argomenti più cliccati dagli italiani nei primi sei mesi dell’anno, secondo quanto emerge dai Google Summer Trends.
In chiave vacanze, a giudicare dalle ricerche sul motore online di Big G, fra tutte le destinazioni vince il mare italiano. È l’Italia la meta più ricercata: al top della classifica c’è l’Isola d’Elba, seguita da Emilia Romagna e Toscana. C’è anche chi ha valutato – almeno su Google – un viaggio religioso con destinazione Lourdes. Restringendo il campo alle spiagge vincono Puglia (al top c’è San Foca), Sicilia e Sardegna.

In tema di moda e stile, le italiane hanno navigato alla ricerca del sandalo del momento da mettere in valigia: quello basso ma anche il sandalo gioiello e quello con i pon pon, «must have» dell’estate 2016. Buongustai ma con un occhio alla linea, per arrivare in forma alla prova costume gli italiani sono andati su Google alla ricerca delle diete da seguire e delle calorie degli alimenti.

Le new entry fra le ricerche di calorie sono le uova di quaglia e le uova al tegamino, mentre la dieta più cliccata è la «Lemme». Nei Summer Trends 2016 il motore Google emerge anche come luogo d’ispirazione in fatto di bellezza. I tagli di capelli femminili più cliccati sono quelli della cantante Alessandra Amoroso e delle conduttrici Simona Ventura e Paola Barale. Per gli uomini i tagli più cercati sono stati quelli di tre calciatori: Dybala, El Shaarawy e Pellè. Del resto Google è un contenitore sconfinato che racchiude ogni tipo di argomento e le classifiche Google Trends raggruppano gli argomenti più cliccati in assoluto nel motore di ricerca più popolare del globo. I dati sono particolarmente importanti nel settore delle vacanze, visto che ormai una fetta importantissima delle prenotazioni viene compiuta su Internet.
Particolarmente soddisfatto il presidente dell’associazione degli albergatori elbani, Massimo De Ferrari: «Questa è la dimostrazione che abbiamo fatto un ottimo lavoro per quanto riguarda la promozione della nostra Isola – ha detto – Un lavoro che ha visto impegnati in prima persona gli albergatori, la Gestione associata del turismo e anche le singole aziende che si sono mosse individualmente ma sempre all’interno di un programma partecipato e condiviso. Significa anche che il messaggio che abbiamo inteso promuovere è stato percepito e gradito dai nostri connazionali. Che è quello di offrire delle vacanze in assoluta tranquillità e sicurezza. Rimane ora da risolvere il problema dei trasporti e dei collegamenti, Ma quello che ora più importa – conclude – è la sicurezza».